Questo blog nasce con l'intento di raccogliere le esperienze di tutti quei giovani che, nonostante il periodo non favorevole sotto l'aspetto lavorativo, si impegnano con determinazione e creatività per realizzare i propri obiettivi. Perché è importante sapere che rendere reali i propri sogni è ancora possibile!

sabato 15 marzo 2014

#7 Interactivity

During week seventh we have read an essay of Pierre Levy, where he offers a problematic approach to the concept of interactivity. He also schematizes the different types of interactivity according to the temporal dimension of the mode of interactive communication and the hierarchical relationship between the communicators.
Shown below a summary of his article.

 The term “Interactivity” generally refers to the active participation of the beneficiary of an information transaction but an information receiver could also be ever passive.
Television for example provides only entertainment, meanwhile telephone supplies dialogue, reciprocity, and real communication. Even a classic video game is more interactive than television because the video game reacts to the player’s actions, if we talk about a networked game, that gives the opportunity to let two adversaries play against each other, the similarity between video game and telephone are even more. The massage is a doubled image incorporating the situation and the player: one player transmits to his partner a image of himself that immediately affected the other player.
On the other hand if we analyse a telephone call we know that the message that one speaker send to the other help him to construct an image of his interlocutor and about the situation and the same happen on the contrary. However the information transmitted during the phone call are more limited then in a virtual reality game. The communication through a virtual word in one sense is more interactive than the telephone one because in addition to the message the other person received also the images of the person and the situation. On the other hand the telephone is more interactive because we are put more in touch with the voice of the speaker.

He makes a list of many different criteria that can be used to analyse interactivity:
1)   The ability to appropriate and personalize the received message, regardless of the nature of the message
2)    Reciprocity of the communication
3)     Virtuality, here understood in term of the processing of the message in real time based on a model and input data.
4)    The incorporation of the image of the participants in the message
5)    Telepresence

Each individual communication system be subjected to precise analysis and is becoming more and more necessary a map of the modes of communication as a political, cultural, economic, social and educational issue.

domenica 9 marzo 2014

#6 Consumer society and advertising

On the 6th weeks we talked about “consumer society and advertising”.
To talk about that we should start from the Industrial Revolution, when the technological developments radically altered the organization of production, distribution and consumption of goods. For these reasons the Industrial Revolution had massive effects on politics, economics, culture, educations and society. The exponential increase in non-essential goods and consumption entailed the rise of the professional advertising industry. McStay, A. (2009/2012) “ Consumer Society and Advertising,” in Long, P.; Wall, T; Bakir, V. & McStay, A. Media Studies: Texts, Production and Context. London: Pearson Education.)
The mass advertising industry emerged to notifying consumers about products, developing sophisticated techniques for inducing desires and needs among ordinary people for things that hitherto they did not relies they needed. Its purpose is to persuade people to purchase, subscribe to or consume a particular brand, product, service or organization.McStay, A. (2009/2012) “ Consumer Society and Advertising,” in Long, P.; Wall, T; Bakir, V. & McStay, A. Media Studies: Texts, Production and Context. London: Pearson Education.)
Advertising was and continue to be a key driver for commercial media, facilitating by the grow of press, radio, television, movies and digital media.
I would like to talk about the newest kind of advertisement: the viral marketing.
The first example of viral marketing hail from 4 July 1996 when Jack Smith and Sabeer Bhatia, Hotmail founder, decided to write at the end of every e-mail this message “PS Get your free e-mail account at" This message appeared as a suggestion from the sender and the result was that Hotmail reached 8,2 million of users in 18 months. (

Viral marketing, viral advertising, or marketing buzz are buzzwords referring to marketing techniques that use pre-existing social networking services and other technologies to try to produce increases in brand awareness or to achieve other marketing objectives (such as product sales) through self-replicating viral processes, analogous to the spread of viruses or computer viruses. (Wikipedia)
Thanks to the viral advertising agencies reduced their costs on media by asking consumers to spread their messages for them and gain credibility by getting friends to share their content. Viral messages are typically humorous, original, due to ease a production and dissemination across newer forms of media.
The fact that they are forwarded between peers means that they use advertising to create their online identities.( McStay, A. (2009/2012) “ Consumer Society and Advertising,” in Long, P.; Wall, T; Bakir, V. & McStay, A. Media Studies: Texts, Production and Context. London: Pearson Education.)

There are many different kind of viral marketing, the most common are videos, and some of them have become really popular. I searched online the list of the most popular viral video of the last year, they are very different but the aim of every one is to affect the viewer for something special:

Another very common think is monitoring consumers and their activities in real time as they use media, media companies track your movement online to deliver a more personalized and individual experience. This is called data mining.McStay, A. (2009/2012) “ Consumer Society and Advertising,” in Long, P.; Wall, T; Bakir, V. & McStay, A. Media Studies: Texts, Production and Context. London: Pearson Education.)

This means that I will found in each page I will visit advertisement about some I’ve searched before in another website. Many people thought that online tracking technologies compromise our individual privacy but others affirm that tracking tools help streamline daily life.McStay, A. (2009/2012) “ Consumer Society and Advertising,” in Long, P.; Wall, T; Bakir, V. & McStay, A. Media Studies: Texts, Production and Context. London: Pearson Education.)

sabato 22 febbraio 2014

Lesson #4:Imagined communities

Imagined communities: that was the topic of the fourth week of Media Studies lessons. To talk about this topic is necessary to start defining the concept of “Nationalism”. “Nationalism is a belief, creed or political ideology that involves an individual identifying with, or becoming attached to, one's nation” (Wikipedia) Is important to remember that Nationalism is different from other type of attachment such as religions; nationalism is the need to belong to a community where you can share with other people the same values, passions, traditions and the belief system. There are also some symbols representing the national identity considered really important to identify with the national community, for example the national flag. In the first reading, “Imagined communities”, where analysed also the anthropological definition of nation: It is an imagined political community- and imagined as both inherently limited and sovereign. It is imagined because the members of even the smallest nation will know most of their fellow-members, meet them, or even hear of them, yet in the mind of each lives the image of their communion. (Imagined communities, Chapter 1). We also discussed about another essay about imagined communities, in particular the Welsh one: “Cool Cymru, rugby union and an imagined community”. In this essay is analysed the place of rugby union in contemporary Wales where the game is really important to promote the images of the nation. For centuries the Welsh nation had lived in the shadow of a much bigger neighbour and Wales had always to define itself with reference to England (Cool Cymru, rugby union and an imagined community). The perception of Wales centred upon many stereotypes such as indecipherable place names, sheep, daffodils, mining, rugby ect… However Wales has changed markedly in recent times in particular because of the emergence of popular rock music band such as Catatonia, The Stereophonics and The Manic Street Preachers, these gave Wales an increased visibility and credibility. Another important thing is the improving fortunes of the national rugby team that bring to the constructions of a new stadium in the heart of Cardiff, the capital city; this ultra modern building dominates the skyline in Cardiff. Cardiff itself was also undergoing a massive transformation in order to promote an image of a modern, vibrant nation. Anyway in Wales Rugby is a kind of substitute for nationalism, Jarvie (2003, p.539) suggests, “patriots could show an affinity for the nation on various sporting occasion without necessarily voting for nationalist parties”. Reading this essay I thought about my nation, Italy. Also my nation is victim of many stereotypes that make foreign people think that all Italians are identical. In this video there are some examples: But we are used to define Italy as the nation of “100 bell tower”. The meaning is that Italians doesn’t really feels as a single community but everyone identify himself with is hometown where the bell tower is the most important monument. For this reason in Italy there are very different tradition between region and region, even the typical food is very different from one town to another. This division start in the ancient history but create many difficulties also nowadays. Because of that also in Italy the sense of community is connected to the sport, football in particular. Sport competition such as World Cup or European Cup are the only circumstances wherein we feels to be a part of the same country. In conclusion in a Weberian sense the nation has been positioned as “ a community of sentiment” (Flucher, 2000); that is constructed in the mind bring us together enabling feeling of identity, belonging and solidariety. (Cool Cymru, rugby union and an imagined community)

giovedì 4 aprile 2013

Fondare una società con 1 euro: dal governo la possibilità agli under 35

Il 29 agosto 2012 è entrata in vigore la normativa riguardante la società a responsabilità limitata semplificata. Questo decreto legge ha l'obiettivo di consentire a chi non ha ancora raggiunto l'età di 35 anni di fondare una società con un capitale minimo di 1 solo euro! 

Direttamente dal sito del governo ( cosa fare:

  • la società a responsabilità limitata semplificata può essere costituita con contratto o atto unilaterale da persone fisiche che non abbiano compiuto i trentacinque anni di età alla data della costituzione;
  • l'atto costitutivo deve essere redatto per atto pubblico in conformità al modello standard tipizzato;
  • l'ammontare del capitale sociale deve essere pari all'importo di almeno 1 euro e inferiore a 10.000 euro, sottoscritto e interamente versato alla data della costituzione;
  • il conferimento deve farsi in denaro ed essere versato all'organo amministrativo. Nel nuovo tipo di società gli amministratori devono essere scelti tra i soci;
  • nella denominazione dovrà essere specificato che si tratta di SRL Semplificata
  • L'atto costitutivo e l'iscrizione nel registro delle imprese sono esenti da diritto di bollo e di segreteria e non sono dovuti onorari notarili; deve, invece, essere versata l'imposta di registro, come precisato dal Consiglio Nazionale del notariato.
Per promuovere questa normativa rivolta ai giovani per la prima volta la Presidenza del Consiglio ha deciso di affidare la sua campagna promozionale a un nuovo strumento di comunicazione:YOUTUBE. Infatti la comunicazione del decreto legge è stata affidata a quattro giovani e famosi youtubers: Daniele Selvitella in arte Daniele Doesn’t Matter noto per i suoi video comici, Matteo Bruno alias CaneSecco (di cui avevo già parlato in questo articolo), Claudia Genolini detta Cicciasan (qui l'intervista di qualche mese fa) e Andrea Vadrucci meglio noto come Vadrum, batterista che utilizza il web per sperimentare fusioni musicali.

I quattro testimonial, mantenendo il loro caratteristico stile, hanno realizzato spot della durata di 30 secondi  in cui cercano di rispondere alla domanda: "Che ci faccio con un euro?"

I 4 video sono online sul canale YouTube e alcuni di questi sono visibili sui canali RAI.
Eccoli di seguito

Chiara Cammelli

mercoledì 13 marzo 2013

Prodotti "conquistati" al Cosmoprof

Ho pensato di fare un post distaccato per commentare i prodotti che ci sono stati offerti durante la giornata al Cosmoprof, in modo da evitare di appesantire il post precedente.

Partiamo dai prodotti che ci ha regalato il team di Sugarbox.

La borsa che ci hanno consegnato, oltre alla maglia, conteneva i seguenti prodotti: (dall'alto a destra in senso orario)
- Dr.Hauschka, Latte detergente
- Dr. Hauschka, Eyeshadowpalette 03, contenente quattro colori molto scriventi e resistenti: bianco panna, marrone opaco, un azzurro chiaro e un grigio.
I prodotti del dottor Hauschka sono tutti prodotti naturali!
- Delarom, Bagnoschiuma all'arancio, ha un profumo meraviglioso di scorza d'arancia!
-T'a Milano, Mirtillo e melograno ricoperti di cioccolato. Sono deliziosi, e hanno un gusto molto originale.
- Moroccanoil, Questo prodotto è eccezionale, l'avevo già scoperto proprio grazie a Sugarbox, è un olio da applicare a capelli umidi o asciutti. Ha un bel profumo e la differenza sui capelli si nota immediatamente. Oltre a questo, non unge affatto i capelli!

La borsa che ci hanno dato da Experience conteneva invece:
- Un cd di musica rilassante
- Un buono sconto del 20% sugli acquisti online
- Un beauty contenente: crema da giorno, crema da notte, un detergente e un tonico
- Nel cofanetto verde (nella foto è aperto) si trovavano una decina di campioncini di creme, uno diverso dall'altro per diversi tipi di pelle e con diverse funzionalità (rassodante, rigenerante, snellente, purificante)
 Planters ci ha riempite di un sacco di campioncini: tra cui olio da massaggio, maschere per capelli, crema mani, shampoo, crema idratante, crema gambe ecc..
Tutti questi prodotti non li ho ancora provati. Quindi non posso esprimere una valutazione.

Ho riunito in un'unica foto, tutti gli olii.
In alto c'è il Moroccanoil di cui ho già parlato,nota di merito alla borsina che sembrava quasi una borsa termica!
Di Inca Oil, che devo ancora provare, ci hanno dato oltre all'olio anche delle maschere ristrutturanti.
Da Nashi, invece, ci hanno dato: shampoo, balsamo, olio e trattamento. Tutti questi prodotti hanno una buona profumazione, sono a base di olio d'Argan e di lino certificati e non ungono affatto! Molto interessante è il trattamento: sostanzialmente è una maschera per capelli in spray che non richiede risciacquo!

Dal tanto amato Medavita ci sono stati dati prodotti diversi e specifici a secondo della situazione del  nostro cuoio capelluto. Il foglio a destra è la scheda della diagnosi della mia cute. Avendo trovato nel mio cuoio la presenza di sebo mi hanno dato uno shampoo sebo-equilibrante allo zenzero e soia, sono 250 ml di prodotto, il profumo è gradevole e confido tantissimo negli effetti! L'altro prodotto (rosa nella foto)  sono cristalli liquidi che mi hanno dato per il mantenimento dei capelli vista la lunghezza, anche qui il prodotto è da 100 ml! Altra cosa bella è la sacca in cui ci hanno consegnato i prodotti, è di tela, si chiude con una clip e ha anche la tracolla, è la più utilizzabile! Lode a Medavita!

 Infine ecco i prodotti che ci sono stati offerti da Lumen.
- Candela corpo da massaggio VIVALU "Coccolare" al mango e karité (quella all'interno del bricco). Accendendo la fiamma questa candela si trasforma in pochi minuti in un tiepido olio da massaggio! Stupenda!
- le altre candele che ci sono state date, hanno anche loro una buonissima profumazione, direi che il profumo assomiglia all'odore del talco.
- oltre ai prodotti, la cartella stampa si trovava all'interno di una chiavetta USB, sempre apprezzabile!

Altra cosa che voglio aggiungere, anche se questa non ci è stata regalata ma sono riuscita ad ottenerla grazie a Michela (che è ben più rapida di me a cogliere le offerte!), è questo mini-set OPI "Euro centrale". Gli smalti sono in dimensione ridotta: 3,5 ml l'uno; le colorazioni sono davvero belle (qui purtroppo rendono poco) il lilla in particolare è stupendo. Anche l'oro, che è il colore su cui ho sentito esprimere più perplessità, è molto meno denso di come appare nella confezione, senza la base di un altro colore è molto estivo e poco pesante. Quando sono tornata al Cosmoprof questo kit era già sparito, ne era rimasto un altro, della Germania direi, decisamente più triste e con i colori estremamente scuri.

Ho fatto anche qualche altro acquisto al Cosmoprof quando sono tornata nella giornata di lunedi, che è la giornata in cui, soprattutto gli stand stranieri, svendono per evitare di imbarcare nuovamente i prodotti.
Sono comunque cose di poco conto e, onestamente, quello che ricordo maggiormente di quel giorno è la quantità di gente con super valigioni riempiti ansiosamente di qualsiasi prodotto si ritrovasse davanti! Uno spettacolo allucinante!
In ogni caso la mia prima giornata al Cosmoprof è stata decisamente fruttuosa! Devo solo trovare il tempo per riuscire a provare tutto!


Un giorno da reporter al Cosmoprof insieme al team di Sugarbox

L’esperienza di cui vorrei parlare oggi, riguarda una stupenda opportunità che mi è stata offerta da Sugarbox.
Andiamo per ordine.

Cos’è Sugarbox?
Sugarbox è una start-up nata da appena un anno che si occupa principalmente di cosmetici. Sottoscrivendo un abbonamento si riceve ogni mese una scatola contenente 5-6 sei prodotti di bellezza in travel size. Io sono una novellina in questo campo, ho scoperto dell’esistenza di queste scatole da pochissimo tempo, attraverso un video su youtube di Nicole (kissandmakeup01). Mi ha incuriosita l’idea di ricevere una scatola a sorpresa con nuovi cosmetici da testare e così ho deciso di acquistare la welcome box per farmi un’idea.
Insieme alla magica scatola mi è arrivata un’ulteriore sorpresa: ho trovato sul sito di Sugarbox un concorso che permetteva a tre fortunate di passare una giornata nelle vesti di reporter al Cosmoprof insieme allo staff di Sugarbox. Ho deciso immediatamente di mandare la mia candidatura e dopo pochi giorni ho avuto la fortuna di ricevere una risposta positiva!

Cos’è il Cosmoprof?
Nel caso realmente qualcuno, leggendo, si sia posto questa domanda, il Cosmoprof è l’evento più importante nel settore della bellezza a livello internazionale e, cosa per me non indifferente, avviene proprio a Bologna.
Nonostante questo non avevo mai avuto occasione prima di andare al Cosmoprof, il costo del biglietto d’ingresso mi aveva sempre spaventata.

Così nel giorno dedicato alle donne ho incontrato una parte del team di Sugarbox, ci tengo a citare i nomi uno per uno (sperando di non fare errori!) Flavia, Jacopo, Martina, Raffaella e Valentina, con loro c'era anche Barbara che, tra le altre cose, è anche la modella che ha lavorato con Sugarbox. 
Oltre a loro, ho conosciuto anche le mie due compagne d'avventura Lavinia e Michela.
La giornata insieme a loro è stata bella e divertente, mi ha fatto piacere trovarmi a mio agio con persone che non avevo mai incontrato prima e scoprire di più di quel gruppo di ragazzi (perchè si, sono tutti giovani!) che si occupa mese dopo mese di portare avanti questa bellissima iniziativa! Questa giornata è stata per me un grande regalo e una stupenda opportunità!
Dunque il mio primo approccio al Cosmoprof è stato fantastico, già per me avere accesso con un pass con su scritto “press” è stata una grossa emozione, per di più questo ci ha permesso di visitare il Cosmoprof in una giornata tranquilla dedicata agli addetti al settore.

A questo si aggiunge il fatto che il team di Sugarbox aveva organizzato la nostra giornata prendendo appuntamenti con diversi brand, che ci hanno offerto vari servizi e riempite di ogni genere di prodotto.
Visitare il Cosmoprof in questo modo è stato veramente meraviglioso; quando sono tornata due giorni dopo la confusione e la ressa della gente che cercava di "acchiappare" il prodotto più scontato mi hanno stravolta. Oltre al fatto che di prodotti gratuiti ne distribuiscono veramente pochi e noi invece siamo tornate a casa con le borse letteralmente piene! (qui l'articolo dove parlo dei prodotti)


Il Primo appuntamento è stato da Mesauda per un trucco fatto da un professionista che ha realizzato un bello smokey su Michela e un più carico trucco sul viola su di me. 

Secondo appuntamento da Experience, dove a Lavinia è stata fatta una maschera purificante dai risultati immediati. Il trattamento aveva il compito di reidratare la pelle attraverso una serie di passaggi che comprendevano massaggi, maschera, e luce UV. Questo stand era decisamente il più bello che abbiamo visitato. Aveva ricreato una meravigliosa atmosfera ed era costruito interamente in legno. Entrando ti sembrava di essere in una SPA invece che al Cosmoprof!
Terzo appuntamento: Nashi. Qui ci hanno offerto un campione di ciascuno dei loro prodotti prodotti e ci hanno dato la possibilità di farci acconciare i capelli.

Quarto appuntamento: Moroccanoil, Incaoil dove ci sono stati offerti numerosi prodotti per capelli.

Quinto appuntamento: Medavita. Decisamente l'incontro più completo. Ci è stata fatta una visita al cuoio capelluto, dove sono stati rilevati i disturbi principali della nostra cute. In seguito ci è stata data un borsa contenente diagnosi e prodotti adatti alla nostra situazione FULL-SIZE!

Sesto appuntamento: Layla. Personalmente Layla mi ha un po' delusa. Ci è stata fatta a tutte e tre un manicure con i nuovi prodotti estremamente approssimativa. A Lavinia hanno applicato lo smalto effetto gel (inizialmente solo in una mano, poi si convinti a farle anche l'altra!) che doveva dare, in 3 minuti, lo stesso effetto di uno smalto semipermanente ma senza asciugatura con lampada uv . Peccato che dopo mezz'ora lo smalto non fosse ancora completamente asciutto! A Michela e me hanno invece applicato lo smalto caviale e quello softouch. Entrambi gli effetti sono spariti nel giro di poco tempo. Io già dopo un'ora non avevo né perline rimaste né "pelucchi". Decisamente una brutta pubblicità. Inoltre non ci hanno lasciato nulla da provare, se non un sacco di cataloghi iper-pesanti!
Settimo appuntamento: Lumen. Qui ho scoperto le candele da massaggio, prodotto di cui non conoscevo l'esistenza ma decisamente originale e rilassante! Sono candele fatte di burri e olii che accendendo la fiamma si sciolgno trasformandosi in tiepidi olii da massaggio!

La giornata è stata straordinaria, una bella opportunità per vivere il Cosmoprof con occhi diversi, infine ci è stato chiesto di scrivere un resoconto della giornata da pubblicare nel blog di Sugarbox. Così abbiamo potuto condividere con le altre abbonate la nostra esperienza.
Per chi fosse interessato a leggerlo il mio resoconto si trova qui!

Che dire, grazie Sugarbox!

Chiara Cammelli

giovedì 8 novembre 2012

Intervista a Morgan Palmas fondatore di "Sul Romanzo": blog, webzine e agenzia letteraria.

Oggi vorrei parlare di un ambiente che mi sta particolarmente a cuore: quello letterario umanistico.
Per parlarne ho deciso di intervistare Morgan Palmas, autore di “Come scrivere un romanzo in 100 giorni” e fondatore del litblog “Sul Romanzo” che ad oggi gode di grande successo.
“Sul Romanzo” è un blog che “crede nella forza delle parole e della letteratura” e che segue con sguardo attento l’editoria contemporanea. Oltre a questo, nel 2010, “Sul Romanzo” diventa anche una webzine (rivista sfogliabile online) che si occupa di letteratura, editoria e scrittura.
“Sul romanzo”, tuttavia, non è soltanto un blog di informazione e approfondimento ma offre anche ai giovani una possibilità di lavoro grazie all’Agenzia letteraria nata nel Dicembre 2010 che si propone come ponte tra autori, case editrici e lettori.

Frequentando la facoltà di Lettere mi viene spesso fatta la domanda: “Perché hai scelto questa facoltà? Cosa farai in futuro? ”
Per questo ho deciso di chiedere direttamente a Morgan cosa lo ha spinto in questa direzione e se questa è una strada che può portare ancora soddisfazioni.
La risposta si trova nella parola “passione”.

La prima cosa che mi interesserebbe sapere è cosa ti ha spinto a creare un blog che riguardasse le tematiche letterarie. Come è nato il blog "Sul Romanzo"?

Sul Romanzo era un’idea che avevo da anni e si è concretata come blog letterario nel 2009. Le tematiche letterarie sono la prosecuzione ostinata d’un interesse coltivato fin da adolescente: una curiosità inevitabile verso l’oggetto libro: l’amore per la lettura, per le belle copertine, per i caratteri del testo, per le storie, per la disposizione dei libri nelle librerie, per i testi introvabili, magari incontrati ricolmi di polvere in uno scaffale abbandonato da tempo. Mi sono chiesto più volte per quale dannata ragione quando ero alle scuole superiori risparmiavo i pochi soldi che avevo per acquistare libri, in genere il sabato pomeriggio, per poi divorarli in pochi giorni e rifare la stessa cosa la settimana successiva, per anni. Una domanda magari fuori luogo in una famiglia di laureati o diplomati, laddove la cultura è un argomento consolidato, ma non in una famiglia di persone con la terza media, con un genuino rispetto e un indefesso timore verso la cultura appunto. Non mi interessava un maglione nuovo o un paio di scarpe, io volevo libri, tanti libri, e leggerli, immergermi in mondi diversi dal mio quotidiano (immersione compensativa dal punto di vista psicologico?). Se penso a Sul Romanzo, non posso che utilizzare una parola prima di tutto il resto: passione; quella vera, viscerale, di fronte alla quale bisogna cedere. Sul Romanzo è nato per una passione.  

Come siete arrivati all'idea, successivamente, di creare una webzine? Soprattutto cos'è? Cosa raccoglie?

La webzine è stata un’evoluzione creativa, nella quale abbiamo investito tempo ed energie per offrire ai nostri lettori articoli approfonditi. Dal blog si differenzia negli aspetti grafici e di impaginazione, non solo nei contenuti di una lunghezza perlopiù maggiore, anche un approccio visivo d’impatto. Dopo una prima fase sperimentale, per la verità, abbiamo incontrato un 2011 che ci ha bloccato per alcuni motivi di cui abbiamo piena consapevolezza, la quale, adesso, dopo mesi di aggiustamenti, avanti e indietro, destra e sinistra, forse che sì forse che no, finalmente, ci ha donato la forza per riprendere il ritmo che tenteremo di donare ai lettori dai primi mesi del 2012. Non posso dire di più, a lavori ripresi conoscerete le novità.

Quali sono i propositi di un'agenzia letteraria?

Un’agenzia letteraria si pone fra autori e case editrici, con specificità che dipendono da mille aspetti, perlopiù legati alle competenze e alla volontà di collaborare con onestà intellettuale. Non vi sono solo contratti, tutele, percentuali, ma anche rapporti umani che vanno coltivati con il desiderio di rendere stimolate e vive e affidabili le parti, in particolare affrontando i brutti tempi geologici dell’editoria. Poi, a dire il vero, ogni agenzia letteraria è diversa dalle altre; ho conversato in non poche occasioni con altri agenti e mi stupisco ogni volta di quante e quali diversità esistano fra noi: chi è radicato nella tradizione, chi punta sulle nuove tecnologie, chi sa tutto di diritti d’autore nel dettaglio, chi è concentrato nel gestire la psicologia degli scrittori esordienti, chi è molto pr e marketing con le case editrici, chi ha saputo coltivare poche attività editoriali divenendo un punto di riferimento per gli altri, ecc.

Che aiuto potete fornire ai giovani scrittori?

La capacità di relazionarsi da numerosi punti di vista con una serie di case editrici che per il singolo autore sono per la gran parte irraggiungibili. Un’agenzia letteraria può contare su rapporti privilegiati. Quante case editrici leggono davvero le decine di inediti che ricevono ogni settimana? Vogliamo fare credere che accada con frequenza? Possiamo farlo, ma sarebbe lontano dalla verità. Oltre alle relazioni che si incanalano in una rappresentanza, esistono i servizi editoriali come per esempio la valutazione d’inedito o il ghostwriting, quest’ultimo ancora avvolto da una patina di ufficiosità che alimenta lo snobismo e la diffidenza. Vorrei però essere preciso, con il rischio di sembrare cinico, non parlerei di “aiuto”, sono servizi, e come tali vanno pagati e trattati come qualsiasi altro servizio nel mondo dell’economia. Quando parlo di rapporti privilegiati con le case editrici – bene inteso, con una, dieci o cento è un discorso ulteriore sul quale si potrebbe riflettere –, pongo l’attenzione su un vissuto propedeutico che ha portato a tali rapporti, magari su sentieri incredibilmente casuali o strategicamente maturati nel tempo, non importa questo, io so che chiamo alcuni editor e dico: “Senti, ho questo per le mani, leggilo e dammi una risposta, anche grossolana intanto, ma dammi una risposta”. La risposta arriva in pochi giorni o in alcuni mesi, ma arriva sempre. Per uno scrittore esordiente tante volte il problema è proprio una risposta, che non giunge mai, e significa: “No, non ci interessa”. Non con tutti gli editor ho un rapporto così confidenziale, dipende sempre dalle persone, ma a me interessa il risultato, un risultato che mi conduce, come pochi giorni fa, a prendere il telefono, digitare il numero di un autore che vorrei rappresentare e dirgli/le: – Ciao, siediti –, – Ciao, sono già seduto… –, – La risposta è stata positiva, vogliono investire sul tuo libro –. Ecco, questi sono momenti strepitosi per chi scrive e per chi si impegna per far conoscere la scrittura altrui.

Come si scrive un buon romanzo, cosa può renderlo interessante agli occhi di un lettore?

Domanda che mi mette a disagio, perché leggi sempiterne non esistono e nessuno potrà vantare percorsi universitari o meriti per dire con sicurezza ciò che è un “buon romanzo”. Si finisce col parlare di gusti, però, da agente letterario, sono tenuto a guardare al mercato editoriale, non posso evitarlo. Ragione per la quale sto imparando nel tempo a evitare soprattutto gli errori, o almeno provare a mettere in guardia da alcuni errori che potrebbero essere evitati. 

Ad oggi diventare scrittori o scegliere come ambiente lavorativo quello letterario può dare ancora soddisfazioni e successi?

Altra domanda che mi mette a disagio. Posso rispondere in base alle mie esigenze di vita, ai miei desideri, a quanto ritengo importante per me. Che cosa significa soddisfazione per me? Che cosa significa successo per me? In un’epoca di enormi difficoltà economiche per tantissimi italiani, parlare di soddisfazione e successo in un ambito lavorativo mi appare quasi indelicato. Qualcuno vive nella luce, molti nell’ombra. Forse, per non eludere del tutto la domanda, potrei dichiarare con una discreta sicurezza che in generale la soddisfazione e il successo, insieme, sono il frutto di tanto lavoro, cercato con la volontà di migliorare e migliorarsi.

Siamo nel periodo dove la scienza è la protagonista principale della nostra storia, il progresso è ciò che si segue con sguardo più attento, spesso la letteratura viene messa da parte. Perché è ancora importante la lettura, perché deve essere stimolata, preservata e conservata?

Sono da sempre un grandissimo sostenitore del progresso della scienza, anche laddove non pochi porrebbero limiti etici. La letteratura non si dovrebbe presentare in una forma aut aut rispetto alla scienza, mi piacciono le compenetrazioni, le interazioni, come fra le persone, e i cultural studies di provenienza inglese non mi dispiacciono affatto. Meno barriere ideologiche e gnoseologiche, che non significa anarchia, che non significa relativismo spinto, ma una sorta di liberalizzazione – per utilizzare un lemma di moda negli ultimi anni – del campo della letteratura, trasfondendo altrui caratteristiche in modo biunivoco, Galileo non si offenderebbe, sempre che il metodo sia nella causa-effetto giustificato. La lettura amplia gli orizzonti dell’anima e/o dell’io, concede la grazia dell’intensità emozionale e intellettuale momentanea, e non solo, della pratica meditata sui rapporti fra le cose o le persone, fra ciò che ci appartiene e quanto non ci appartiene: un possesso di affinità disgiunta, con la quale relazionarsi, se lo si desidera, con metodi che non sono poi così differenti da quelli della scienza. Indagare se stessi rispetto a una storia di un romanzo può assumere profondità che stento a non definire talvolta scienza, tuttavia non vorrei confondere i piani con un eccesso di leggerezza linguistica. Indagare ciò che non è se stessi può, parimenti, attraverso la lettura, elargire profondità. E, diciamocelo con franchezza, la profondità prima o poi accade a tutti, sta a ognuno di noi abbracciarla o rifiutarla; la lettura abitudinaria e matura ci prepara all’abbraccio, ne sono convinto o forse mi illudo che sia esattamente così.

Chiara Cammelli

Link al sito web SulRomanzo